Nulla è più magico dì un profumo, di una essenza distillata da una pianta o da un fiore. La potenza magica dei profumi, se applicata con criteri occulti e con scopi ben determinati, è ineguagliabile. Nel profumo sembra che i due ' poli ', se così si possono chiamare la materia e lo spirito, siano sostanzialmente fusi.
 
Sembra che la sostanza divina si manifesti in tutta la sua intensità nella essenza odorosa rendendosi presente, sebbene impalpabile ed inafferrabile, come una musica trascendentale.  Lo spirito umano, nella sua essenza, sembra manifestarsi attraverso una vibrazione odorosa ed ognuno di noi, come ognuno ha un nome ha una sua intensità vibratoria che è propria, inconfondibile, che è una e unica e vibra in sintonia col ritmo dell'Essenza primordiale da cui l'Essere è scaturito.

Così come ogni essenza ha una sua caratteristica, così ogni profumo ha una sua vibrazione e il suo effetto più particolare.Il profumo agisce dall'esterno ma giunge a manifestarsi soltanto attraverso le profondità dell'anima che sembra toccare come per incanto. E agisce dall'interno, contemporaneamente, per influenzare all'esterno con la sua aura radiante tutto ciò che vibra in sincronia col suo « ritmo ».

Fra le proprietà magiche dei profumi e delle essenze odorose ve ne sono talune che attraggono, altre che respingono. E' su questo principio fondamentale che tutta la magia delle essenze fonda la sua dottrina.

Ognuno di noi ha imparato, per esperienza, che vi sono pro­fumi che avvincono ed altri che allontanano, profumi che eccitano ed altri che deprimono e che questa misteriosa azione dei profumi s'innesta nella .ita di tutti i giorni facilitando od ostacolando i nostri rapporti relazionali col mondo circostante. I profumi, se impiegati con criterio occulto e bene appropriato, sono uno strumento meraviglioso per armonizzare il proprio destino e la propria attività.