Nel 1970 presenta al Salon du Prêt-à-Porter di Parigi la prima collezione col proprio nome per poi tornare, sulla scia del successo in Italia. Porta sulle passerelle della Sala Bianca di Palazzo Pitti, e poi su quelle di Milano Collezioni, creazioni innovative: jeans di denim stampato, fatti di intarsi di pelle broccati e stampe animalier,puntando soprattutto su uno stile glamour. Una visione rivoluzionaria che viene subito apprezzata dalla clientela d'elite internazionale nel 1972, Cavalli apre la sua prima boutique a Saint Tropez.

Nel 1980 Roberto Cavalli sposa Eva Duringer, da allora sua compagna di .ita e inseparabile braccio destro nel lavoro All’inizio degli anni '90, dopo un periodo dedicato alla famiglia e all’allevamento di cavalli da corsa, i due tornano a occuparsi a tempo pieno di moda Nel 2002 inaugura la prima boutique-café a Firenze, intervenendo con motivi animalier, ma nel rispetto assoluto del luogo, sulla struttura preesistente del Café Giacosa, storica sala da tè della città. Un’impresa innovativa, poi ripetuta a Milano con il Just Cavalli Café di Torre Branca e con la boutique di via della Spiga.

Roberto Cavalli ama la natura come testimonia la sua spiccata predilezione per i maculati, per i motivi botanici e per quelli floreali. E di animali, volatili esotici e molto altro è popolata la villa sulle colline fiorentine.

Roberto Cavalli ha sempre saputo individuare gli artisti adatti a promuovere il suo stile Star del calibro di Lenny Kravitz, Madonna, Drew Barrymore, Sharon Stone, Jennifer Lopez, Gwyneth Paltrow, Beyoncè Knowles, Charlize Theron e Victoria Beckham, solo per citarne alcuni, sono amanti e testimonials delle sue produzioni.