I tifosi della Juventus Football Club sono più di dieci milioni in Italia, cifra record (28% delle preferenze) secondo un sondaggio nel Agosto 2007 dell'istituto giudato di Demos scatta pubblicato dal giornale La Repubblica. La squadra torinese, inoltre, è una delle squadre col maggior numero di sostenitori al mondo con più di 170 millioni - più di quarantatre milioni solo in Europa - con associazioni di tifosi nel Canada, Stati Uniti, Malta, San Marino, Francia, Svizzera, Germania, Regno Unito, Iran, Israele, Grecia, Malaysia, Australia e Vietnam per citare solo alcuni paesi con un importante numero di emigranti italiani

Nell’ambito nazionale, la squadra bianconera - tradizionalmente, la più trasversale del paese dal punto di vista territoriale e demografico - è anche molto popolare nelle regioni meridionale e insulare, risultando così una delle compagini col maggior séguito di sostenitori nelle partite in trasferta

Politicamente, il tifo organizzato è schierato su posizioni di destra al pari di quasi tutta la tifoseria calcistica nel paese.
La tifoseria juventina è gemellata con quelle dell’Avellino, l’ADO Den Haag olandese e il Legia Varsavia polacco, mentre le rivalità più accese sopravvivono con l’Inter (vedi Derby d'Italia), il Torino (vedi Derby della Mole), il Milan, la Fiorentina e la Roma. Curiosamente le presenze casalinghe del tifo juventino allo stadio arrivano all'apice, intorno all'esaurimento dei posti, quando ci sono le sfide con le rivali storiche di cui sopra.


All’inizio del secolo scorso, secondo il pensiero popolare all’epoca, il tifo della Juventus rappresentava la borghesia mentre i tifosi della sua squadra concittadina rivale, il Torino, appartenevano alla classe popolare e proletaria. Alcuni anni dopo, con il sodalizio della Vecchia Signora con la famiglia Agnelli nel 1923, la Juventus venne "adottata" anche dagli operai della Fabbrica Italiana Automobili Torino (FIAT) - impresa di proprietà degli Agnelli - maggioranza dei quali erano principalmente immigranti della regione meridionale del paese, in modo particolare dalla Sicilia (Palermo e Catania), e da Napoli. Tale fenomeno migratorio fu maggiore durante le decadi del 1960 e del 1970, dove la Juventus sembrò rappresentare, attraverso i suoi tifosi, lo spirito del nuovo lavoratore piemontese, quello degli immigrati nel ricco Nord-Ovest d’Italia, mentre la società granata rimase legata a quello di origine prettamente torinese.
 
Nacque così uno dei motivi alla base della grande rivalità tra le due squadre, simboleggiata dal Derby della Mole, l'incontro cittadino più antico ed uno dei più prestigiosi del calcio italiano
Attualmente, come conseguenza del fatto sopra indicato, quelle differenze tra le origini sociali dei tifosi delle società juventina e granata sono desuete, ma fu quello stereotipo e il grande numero di tifosi juventini presenti nelle gare in trasferta della squadra, che diventò altra rivalità, presente soprattutto dalla decade del 1980 fino ad oggi, tra Madama e il Napoli, la squadra col maggior numero di tifosi nell'Italia Meridionale