Variante Omicron: la meno letale di tutte

La variante Omicron è la meno letale di tutte. Sembra quasi un'eresia dirlo dopo tutto ciò che si sente in giro, eppure...

Variante Omicron - covid-19

Come al solito tra tv, giornali, pettegolezzi, programmi di dubbia caratura, le informazioni sono sempre diverse e confuse. L’unica cosa che sembra accomunare tutti è che “La variante Omicron è pericolosissima”

Ora non sta a me smentire certe affermazioni, è di sicuro una delle varianti più contagiose tra quelle che abbiamo dovuto affrontare, ma analizzando i dati forniti dall’ISS possiamo farci un’idea più chiara e quantomeno oggettiva.

Variante Omicron - Covid19. Percentuali di positivi su tamponi effettuati

Partiamo da un grafico per me sempre significativo. La percentuale tra il numero di persone positive e il numero di tamponi effettuati. Come si vede dall’ultimo valore del grafico, aggiornato al 24 dicembre, il rapporto Casi/Tamponi è pressoché identico a quello di fine Agosto. 

Abbiamo quindi un elevato numero di positivi, ma che in parte è dovuto all’enorme campagna di screening fatta in questo periodo. 

Probabilmente gli spostamenti dovuti alle vacanze natalizie hanno portato tante persone ad effettuare un tampone.

Naturalmente i più attenti tra voi staranno pensando: va bene il rapporto rispetto al numero di tamponi, ma se il numero assoluto di contagi è alto, il sistema sanitario può andare in crisi.  VERO

Variante Omicron - Numero totale positivi Covid19

Il totale dei positivi è in effetti molto alto, siamo quasi ai livelli dell’ondata dei primi mesi del 2021. Come ho detto all’inizio, questa variante sembra essere davvero molto contagiosa, ma c’è una differenza sostanziale. Guardiamo i grafici in basso che riguardano gli ospedalizzati e le terapie intensive occupate:

Variante Omicron - Terapie Intensive covid19
Grafico in scala logaritmica

Ospedalizzati Totali

Ospedalizzazione / TotalePositivi

Variante Omicron - Ospedalizzati covid19
Grafico in scala logaritmica

Persone totali in Terapia Intensiva

Persone in TI / TotalePositivi

Guardando i due grafici si vede chiaramente che gli ospedalizzati e le persone in terapia intensiva (linee gialle) sono nettamente inferiori rispetto alle ondate precedenti (ricordo che il grafico è in scala logaritmica), nonostante come abbiamo visto prima, il numero totale degli attivi sia praticamente simile.

La curva blu invece rappresenta proprio la percentuale di ospedalizzati e TI, rapportate al numero totale di positivi.

Non solo il valore è inferiore rispetto alle ondate precedenti, ma è addirittura in discesa. 

“Questo vuol dire che nonostante crescano le persone positive, quelli che effettivamente finiscono in ospedale sono sempre meno (in percentuale)”

Variante Omicron - Decessi per Covid19

Guardiamo l’ultimo grafico, l’andamento giornaliero dei decessi.

Il grafico è molto esplicativo. Nonostante come abbiamo visto i numeri, per numero di positivi al giorno, sono da ondata piena, i decessi restano molto bassi, circa 150 al giorno.

A cosa voglio arrivare? 

Che è normale che in questo momento non sia possibile abbassare la guardia e che un trend in crescita sui contagi deve assolutamente far scattare l’allarme. Ma se, grazie ad una campagna vaccinale che sta dando i suoi frutti, abbiamo raggiunto bassi livelli di ospedalizzazioni e decessi, è normale terrorizzare così le persone?

Lascia un commento